Ftse Mib: focus sui titoli migliori e peggiori

Un altra seduta dedicata al consolidamento dei supporti per Ftse Mib che offre come di consueto uno spaccato molto netto tra titoli in salita e titolo in discesa, ma questa volta se ne aggiunge uno in picchiata ovvero Campari: di seguito i dettagli della giornata.Nota tecnica sintetica con spunti operativi per i titoli che si sono distinti in positivo e in negativo ieri.Titoli migliori del FTSE MIBTelecom chiude a 0.55 (+3): continua a crescere grazie agli acquisti "strategici" di alcuni investitori istituzionali come Cdp, che aumentano l'appeal speculativo sul titolo; il target price a 0.64 è sempre più vicino, ma occorre prestare attenzione a possibili fasi di storno del Ftse Mib che potrebbero innescare vendite allo scoperto sul titolo, operatività da sempre apprezzata viste le criticità presenti nella conduzione della società.Azimut chiude a 13.23 (+2.6): ottimo allungo rialzista che centra in pieno il target indicato in precedenza, rispolverando quello più ambizioso posizionato oltre quota 13.75 euro.Exor chiude a 54.64 (+1.10): leggera salita propedeutica a possibili movimenti esplosivi in tutte le direzioni: il Risiko su scala globale per creare pochi giganti dell'auto sta'per partire e Fca è la preda prediletta da Peugeot.Difficile resistere alla tentazione di vendere da parte della famiglia Agnelli  tenendosi i pezzi pregiati ( Ferrari!?), visti i margini risicati e la concorrenza spietata che il settore offre.Unipol chiude a 4.09 (+0.9): titolo ampiamente sottovalutato ma in fase di consolidamento lungo i supporti di 3.80 e 3.55, dunque meglio attendere la verifica di questi livelli prima di tornare ad acquistare.Saipem chiude a 4.65 (+1.4): confermando l'impostazione tecnica emersa ieri.prestsre attenzione a rapidi cedimenti del supporto a 4.20 euro.Tra i titoli da segnalare cè Hera che con una caitalizzazione orai prossima ai 4 miliadi sostituirà Brembo nel paniere principale: criterio discutibile anche per altri aspetti viste le esclusioni eccellenti di  Mediaset e B.Mediolanum.Titoli peggiori del FTSE MIBDavide Campari chiude a 7.91 (-6.53): dati di bilancio 2028 deludenti o meglio in linea con le attese, preso a pretesto per incassare i lauti guadagni realizzati dal titolo, che dal metà marzo 2018 mette a segno una crescita di oltre il 30 per cento.Amplifon chiude a 16.84 (-2.8): continua il criptico quanto anomalo andamento dei prezzi che prima toccano un in minimo a 16.20, poi recuperano in gran parte chidendo a 16.80; i dati di bilancio evidenziano ricavi e utili in crescita ( a 114 milioni circa) ed un dividendo aumentato, per cui monitorando il supporto di 15.70 si può inserire il titolo in portafolgio anche ai prezzi correnti, con un target oltre i 18 euro nel breve periodo.Moncler chiude a 36.10 (-2.60): fisiologiche prese di profitto lungo i massimi di periodo,Meglio attendere la verifica del supporto a 35.70 o comprare il titolo suddividendo la liquidità destinata in più momenti d'acquisto, lungo eventuali discese verso i supporti di 34.40 e 33.20, con target più congruo a 38.80 euro.UBI Banca chiude a 2.50 (-2.46): non riesce a consolidare il rimbalzo dai minimi di periodo a 2.20 euro beneficiando meno del trend rialzista del Ftse Mib, tra i titoli del settore bancario, il target più probabile rimane a 2.75 euro.Salvatore Ferragamo chiude a 18.55(-1.8): nell' eventualità il trend rialzista dei mercati azionari dovesse proseguire, molti colossi della moda potrebbe alzare il valore delle proposte che il gruppo Ferragamo riceve ripetutamente; meglio dunque accumulare senza esagerare il titolo in portafoglio, con un target congruo ai fondamentali vicino ai 25 euro almeno.