Exploit di Campari: un recupero che azzera il sell off

Eccellente trimestrale per Campari presentata lo scorso 6 novembre, che torna oltre quota 7.30 euro prospettando un continuazione della salita grazie alla pioggia di giudizi favorevoli delle maggiori case d'investimento.Campari vola sull’onda dell’entusiasmo mostrato dagli analisti dopo la pubblicazione della trimestrale lo scorso 6 novembre, che vede ricavi in salita su tutti i comparti produttivi, con i marchi più rappresentativi in forte crescita e utili netti previsti a fine 2018, intorno ai 270 milioni.Praticamente tutte le maggiori case di investimento ritoccano verso l’alto i target price e le raccomandazioni di acquisto, con la promozione ad out perform e un target medio che spazia tre 7.10 e 8.20 euro.Migliora anche la posizione finanziaria netta a quota 913 milioni circa, l’unico elemento che ha in passato generato qualche preoccupazione lievitato oltre 1,2 miliardi nel 2016, a causa dell'aggressiva campagna acquisti lanciata dal gruppo e che adesso comincia a dare i frutti, grazie anche alla cessione di marchi come Lemonsoda non più strategica per il gruppo.Dal punto di vista dell'analisi grafica il movimento di recupero generato a partire dal minimo relativo di 6,30 lo scorso 15 ottobre, ha di fatto annullato il sell off dai massimi di 7.90, allineando adesso il trend rialzista di breve termine a quello di lungo periodo.Il movimento di recupero dovrebbe durare quanto meno fino al test della resistenza più ostica posta a 7.67 euro, che se superata aprirebbe la strada a nuovi allunghi oltre quota 8,25 prima 8.40 in seguito, fermo restando l’assenza di shock esterni che potrebbero appesantire il Ftse Mib.Strategie operativePer le posizioni long: accumulare il titolo in portafoglio suddividendo la liquidità disponibile per l'investimento in più momenti d’acquisto, lungo tutta la "fascia supportiva" costituita dagli estremi di 6.80 e 7.55, con prospettive di crescita oltre gli 8 euro nel primo bimestre.Per le posizioni short: è possibile cogliere l'opportunità offerta dal potenziale incremento sia della volatilità dei prezzi che della nuova direzionalità verso l’alto assunta dal titolo, acquistando un’opzione Put, scadenza gennaio 2018, strike 8 euro solo nell'ipotesi adesso improbabile di un fallimento del test oltre 7.90 euro.Grafico Campari di TradingView